1 settembre: al popolo silenzioso della scuola, buon primo collegio!

di Gianpiero Soglio

CHE POI LA SCUOLA è quella cosa fatta da tante, tantissime persone, docenti, bidelli e impiegati, e presidi (i dirigenti stanno solo in azienda dove si fabbrica carne in scatola).

Prima dei Grandi Pedagogisti, dei Grandi Ministri riformatori-distruttori, dei Grandi Sotuttoio che scrivono libri sulla scuola in base ai loro ricordi di quarant’anni fa o al rapporto Invalsi, ci sta l’Oscuro Popolo della scuola. Quello che ogni mattina, già prima delle 8 “alza la cler”, mette la sua mercanzia sugli scaffali, accende LIM, pulisce lavagne (per chi fortunatamente ancora la possiede), stampa schede, verifiche, prende un caffè schifoso alla macchinetta, dice due balle sull’ultima, inutile e vessatoria circolare e attende emozionato il suono della prima campanella dell’anno sperando arrivi presto l’ultima (ma poi gli viene un groppo quando vedi quei disgraziati degli alunni andarsene verso un’estate, afosa e felice, senza di loro).

E oggi, 1 settembre, È’ IL GIORNO, il D-day, finto però.

Sì, perché oggi c’è il COLLEGIO DOCENTI, rito di passaggio essenziale per entrare nella logica bizantina, ma poco sibarita, di quel mondo che assomiglia ad una grande nave, oggi al varo annuale.
Una grande nave, come quella degli ospedali che, accesi nella notte, trasportano il loro carico di sofferenza tra le onde di una città indifferente.

La nave scuola naviga ogni giorno, forse dal primo giorno dell’umanità, essendo quello dell’insegnante il mestiere più vecchio del mondo (non ascoltate chi dice che è un altro).

Ebbene, BUON COLLEGIO DOCENTI, a tutti i miei amici insegnanti, oggi è il loro giorno, si sfoggiano abbronzature, ci si veste più eleganti del solito, per non sfigurare, ci si bacia e abbraccia, ciao, che bella che sei, ti vedo in forma, sì, vabbè, un po’ di pancia per le abbuffate, i bimbi? I genitori anziani? La tua schiena?

Chiacchiere, tante belle chiacchiere, prima di buttarsi a capofitto in una montagna inutile di scartoffie, nella speranza di avere qualche ora libera per fare il lavoro necessario per alzare la cler il giorno che arriveranno i ragazzi.

Al popolo silenzioso della scuola, buon primo collegio docenti!
Noi vi vogliamo bene, nonostante.

 

scrignodipandora

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e attualità