Al via un altro muro anti-migranti. E pensare che doveva essere l’Europa dei popoli e dei diritti umani

di Michele Piras

Nell’inferno dei muri che recintano l’Europa che doveva essere dei popoli e dei diritti umani, muoiono di freddo e di fame, aggrediti dalla polizia polacca, da idranti e lacrimogeni.
Nell’inferno dei muri e dei lacrimogeni “stiamo ignorando un gioco maledetto”, racconta dalla linea del fronte Alessandro Penso, fotoreporter.
Nell’inferno dei muri ci arrivano dal Kurdistan, dalla Libia, dallo Yemen, dalla Siria, dall’Afghanistan.
E pensate che giro hanno fatto, per incontrare l’Europa, l’inferno, i muri, gli idranti e la morte.
E chi pensa che non sia un problema nostro sbaglia.
Sbaglia tutto e sbaglia di grosso.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 4 persone, persone in piedi e attività all'aperto