Cos’è la poesia?

DI GIOVANNI DE LUCIA

 

Cos’è la poesia?
Credo sia un codice di decifrazione dell’anima. Spesso la capacità oratoria si ingolfa, un groppo in gola ti blocca e le parole si cristallizzano intorno al cuore. Allora ti soccorre proprio lei, i pensieri scivolano giù per le braccia sino a trasformare il sangue in inchiostro.

Anche il più spietato dei draghi ti regala il suo cuore e tu diventi nuvola, volo di gabbiano sul porto di questa vita. Io a lei ho affidato i miei segreti più intimi, ripetuti in un codice conosciuto solo ai sogni. La sua forza è essere un passepartout per chi l’abbraccia. Lei è ciò che provi, anche se spartito altrui. È universale come la musica, in essa puoi trovare colori e suoni irriproducibili perché solo tuoi.

La scrivi, la leggi, l’accartocci, la stendi nuovamente, la trascrivi e lei cambia ad ogni battito o soffio dell’anima. Per me è un rifugio, la mia cala tra mille tempeste, in essa è custodito il mio vaso di Pandora. Riflettevo sul momento in cui l’ho incontrata la prima volta, aveva una gonna azzurra a pieghe ed io a cercare disperatamente la più bella parola per dirle ti amo.

Da quel tempo sono ancora alla ricerca, intrecciando giorni su giorni come a costruire una grande cesta con la quale trattenere il ricordo di quell’attimo.

La poesia è terapia, è autoanalisi, è quel sentiero che percorri con tutte le orme che su esso lasci, sicuro di poterlo ripercorrere perché comunque ti riporterà a casa. Io spesso l’ho vissuta come pittura, ben sapendo di non aver nessuna base di prospettive o disegno ornato, io non conosco carboncino o pennello, ho solo una piuma di cigno e con essa i miei pensieri diventano una tavolozza di colori. È l’unica amica che mai mi ha tradito, è quell’amante che diventa ogni volta l’amore della vita.

Puoi sentirla urlare, sibilare, sussurrare, cantare o piangere. Può essere spartito, testamento, messaggio politico, sociale, o semplicemente il leccio sotto il quale, dopo tutte le vite per le quali sei stato destinato, riposerai davanti a quell’unico mare che ti ha visto dispiegare la tua vela.

Foto dal web

scrignodipandora
Latest posts by scrignodipandora (see all)