Dai legumi allo zenzero, i cibi che aiutano a superare l’inverno

di Cristina Piloto (biologa/nutrizionista)

Per difendersi meglio dal freddo rigido e dalle gelate, e dai conseguenti malanni di stagione, oltre agli indumenti pesanti, anche la buona tavola è un efficace alleato.

Legumi, pesce, frutta fresca, secca e verdure di stagione sono alcuni cibi antifreddo: forniscono infatti all’organismo un adeguato apporto calorico e danno una ‘sferzata energetica’ al metabolismo, invitato attraverso l’alimentazione a produrre più calore.

In inverno il corpo necessita di maggiore energia per mantenere la temperatura fisiologica; quindi, si potrebbe mangiare qualcosina di più, senza esagerare con i grassi.

Attenzione agli alcolici, che “scaldano” si, ma hanno un effetto solo temporaneo, dovuto alla vasodilatazione (che poi però provoca maggiore dispersione termica), invece prediligere zuppe e le minestre rappresenta un toccasana in questa stagione!

Ad esempio, i legumi (fagioli, ceci, lenticchie) o le minestre di verdura apportano calore e ferro, che quando è carente fa aumentare la sensazione di freddo.

Anche consumare proteine animali sviluppa calore (termogenesi indotta dalla dieta) e apporta ferro, ma bisogna sempre prediligere il pesce piuttosto che la carne, le uova vanno bene, soprattutto quelle biologiche di allevamento a terra (non più di due-tre a settimana) e limitare i formaggi.

La frutta secca contiene poi acidi grassi polinsaturi, tra cui gli omega 3, e vitamine, sostanze utilissime per rinforzare il sistema immunitario; le noci, ad esempio, forniscono all’organismo un buon apporto di zinco, il quale aiuta a combattere gli stati di raffreddamento; mandorle e nocciole contengono tocoferolo (vitamina E), benefico contro raffreddori e influenze.

Fra i condimenti, è ricco di vitamina E e protegge dal freddo, l’olio extravergine d’oliva. Così come aglio e cipolla contribuiscono a contrastare le infezioni batteriche.

Broccoli e crucifere in generale, sono ricchi di vitamina C e di carotenoidi, precursori della vitamina A, i quali stimolano le difese immunitarie, più fragili in inverno. Validi sostituti dei broccoli sono anche le carote, la zucca, gli spinaci, i carciofi, le barbabietole rosse e i cavolfiori; tutti ortaggi nei quali i carotenoidi si trovano in abbondanza.

I cereali integrali sono un’ottima fonte di fibre che aiuta il corpo a scaldarsi senza appesantirlo. Lo yogurt e altri alimenti fermentati (miso, tempeh, kefir) aiutano, grazie al loro apporto di probiotici (batteri “buoni” che popolano la nostra flora intestinale), che riducono i casi di infezione e rendono le forme influenzali meno aggressive.

Ma peperoncino e cioccolato predominano come alimenti antifreddo: il peperoncino contiene i flavonoidi e i capsaicinoidi, che hanno un effetto antibatterico, e molta vitamina C, antiossidante; il cioccolato apporta magnesio e caffeina, che aiuta a combattere la stanchezza.

Anche lo zenzero ha la capacità di far percepire meno il freddo, grazie al miglioramento della circolazione sanguigna. Ha potenzialità antipiretiche e controlla la tosse.

Un buon minestrone piccante, un riso integrale condito con spezie come lo zenzero e un quadretto di cioccolato fondente almeno all’85%, possono essere una buona indicazione in questo periodo. E come frutta, gli agrumi sono un’ottima fonte di vitamina C, la quale favorisce la produzione del collagene, struttura di sostegno dei tessuti connettivi in generale e del derma in particolare, aiutando la pelle a proteggersi da questo disagio stagionale.

L’idratazione è sempre molto importante; d’inverno il consiglio è quello di fornire liquidi all’organismo attraverso acqua, tè, tisane (quelle alla liquirizia, timo, lavanda, sambuco e zenzero sono le migliori contro il raffreddore) e minestre.

Torte, biscotti e caramelle, non concorrono a riscaldare l’organismo, anzi possono appesantirlo. Gli zuccheri hanno infatti un basso potere termogenico, quindi la regola generale rimane sempre quella di limitarne il consumo e di mangiare magari solo quei dolci fatti in casa, sempre in quantità limitate e garantiti dal punto di vista della qualità!

*Immagine Pixabay