Quali e di chi le responsabilità del corteo no-greenpass trasformatosi in guerriglia urbana?

di Gerardo D’Amico

Non penso che tutti quelli che  hanno scatenato i disordini di Roma, assaltando la Cgil e poi il pronto soccorso del Policlinico Umberto I siano tutti fascisti.

Tra loro c’era anche il solito battaglione di chi vuole menare le mani e spaccare cose, preferibilmente contro le forze dell’Ordine: lo fanno allo stadio, la sera davanti ai bar, per loro i cortei sono come la prima alla Scala.

Ma soprattutto tra quei delinquenti, perché chi rovescia motorini, spacca vetrine, costringe gente a rinchiudersi per ore nei negozi, assalta le macchine, devasta una sede sindacale o un ospedale è un delinquente, tra loro c’erano tante persone che si sono convinte soprattutto sui social che esiste un grande complotto mondiale contro di loro, che vogliono cambiargli il dna coi vaccini, che stanno lavorando al “grande reset” per sostituirli con chissà chi.

E tra di loro c’era gente che ha interpretato a modo suo le elucubrazione di qualche filosofo, a chi sono stati forniti palcoscenici sui giornali e televisioni, per arrivare alla conclusione che “la libertà” passa per il diritto di fare come gli pare, che non esistono obblighi, che la responsabilità è solo verso se stessi e al massimo la propria famiglia, considerata come proprietà privata tanto che qualche figlio deve rivolgersi alla magistratura per superare l’opposizione dei generatori alla vaccinazione.

Questa gente è manipolata ed avvelenata dai social, vive dentro una cupola di complottismo e vittimismo, quando si arriva alla scadenza come nel caso del 15 ottobre, con l’obbligo di green pass per entrare sul posto di lavoro perde la testa, si sente chiamata alle armi per sopravvivere.

Ma dare tutta la colpa al web ed ai social sarebbe riduttivo ed ingiusto.

Se abbiamo ancora 8 milioni di persone che rifiutano il vaccino a distanza di 10 mesi da vaccinazioni di massa, in cui hanno potuto verificare che non c’è stata nessuna strage, nessuna mutazione genetica, anzi gli ospedali si sono svuotati e muoiono “solo” una quarantina di persone al giorno proprio grazie alla immunizzazione vaccinale, non è solo colpa di internet.

Quanto hanno contribuito a tutto questo trasmissioni televisive che dispensano bufale o danno visibilità a attori e ballerine o all “esperto” di turno che sparano scemenze senza basi scientifiche?

Quanto quei partiti che lisciano il pelo ai novax, chiedendo tamponi gratis o l’estensione di validità di test di per sè inaffidabili come gli antigenici a 72 ore?

Su questo dobbiamo interrogarci: perché i pozzi avvelenati non uccidono solo chi ha sete.

scrignodipandora
Latest posts by scrignodipandora (see all)

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e società