Tatuaggi e debolezza caratteriale

DI OTELLO AURELIO VALENTINI

I tatuaggi sono il simbolo di una debolezza caratteriale arrivata ai massimi termini.

Qualunque presunta originalità dovrebbe essere innata e l’ espressione più alta della propria personalità.
La peggior nemica del proprio io è la moda.

La ricerca spasmodica della conformazione, dell’ omologazione a tutti i costi fino a non sapere né chi siamo né cosa vogliamo davvero.
Nulla ci fa assomigliare di più ad un gregge.

Se il tatuaggio diventa moda perde tutti ma proprio tutti i canoni della bellezza.
Con una sottile differenza…
Quando la tendenza passerà, i tatuaggi resteranno e chi li ha così accuratamente dipinti sulla propria pelle correrà il rischio di diventare solo una sbiadita caricatura….” fuori moda”.

Viva le pecore nere che lo sono davvero, che i tatuaggi della vita li tengono sul cuore e li mostrano solo a chi li sa capire…

scrignodipandora

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e attualità