Accadde oggi. Cinque anni fa il rapimento di Giulio Regeni

di Chiara Farigu

Sono passati cinque anni dal rapimento di Giulio Regeni,  il ricercatore 28enne friulano sparito il 25 gennaio 2016 al Cairo e trovato cadavere nove giorni dopo, il 3 febbraio, lungo la strada che dalla capitale porta ad Alessandria.

Cinque anni di misteri, di verità non rivelate, di silenzi.

Cinque anni di sofferenza per la famiglia che chiede e pretende verità e giustizia.

Cinque anni di indagini per scoprire le cause di quella morte ancora oggi senza un perché e  per la quale ‘non ci stancheremo mai di chiedere giustizia’, ha twittato Davide Sassoli, presidente del parlamento Europeo.

Cinque anni di silenzi da parte del governo egiziano e di vergognosi depistaggi che hanno provocato tensioni diplomatiche senza precedenti tra il nostro Paese e l’Egitto.

Le indagini locali che dapprima portano ad incriminare una banda di malviventi, poi uccisi dalla polizia in un conflitto a fuoco, si sgretola in men che non si dica. Alla pari del castello accusatorio teso a dimostrare che droga e sesso fossero le sole piste da seguire.

La magistratura italiana, di contro, arriva a ben altre conclusioni, rinviando a giudizio quattro ufficiali dei servizi segreti egiziani con l’accusa di   sequestro di persona, lesioni gravissime e omicidio.

La collaborazione con gli inquirenti italiani si fa sempre più tesa, vengono negati persino i tabulati telefonici. Medici italiani ed egiziani procedono a due diverse autopsie. Drammatico il referto a conferma delle torture ricevute: innumerevoli i tagli e le ecchimosi riscontrate, così come le ossa spezzate. Irriconoscibile il corpo quando fu ritrovato quel 3 febbraio dopo nove giorni dalla scomparsa. La madre riuscirà a identificarlo da un tratto caratteristico della punta del naso.

Cinque anni di verità nascoste e trafugate. Nei giorni scorsi la Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per i quattro ufficiali dei servizi segreti egiziani coinvolti nell’inchiesta,  l’udienza preliminare  è stata fissata per il 29 aprile.

Il crimine non resti impunito, l’Egitto dia adeguata risposta per la verità -sollecita il Capo dello Stato-  vicini ai genitori che si battono per ottenere giustizia’.

Oggi il caso sarà discusso nel Consiglio Esteri Ue, e i ministri europei potrebbero decidere di muovere altri passi. Verso quella verità ancora fitta di mistero e purtroppo ancora lontana.

Chiara Farigu
Latest posts by Chiara Farigu (see all)

Pubblicato da Chiara Farigu

Insegnante in pensione, blogger per passione. Laureata in Scienze dell'Educazione, ama raccontarsi e raccontare l'attualità in tutte le sue sfaccettature. Con un occhio particolarmente attento al mondo della scuola e alle sue problematiche