Non prendiamola mai sottogamba, la nostra #democrazia: anche quando si tratta di piccole cose

di Gerardo D’Amico
Non prendiamola mai sottogamba, la nostra #democrazia: anche quando si tratta di piccole cose
Quello che sta accadendo in Afghanistan e che ci strappa il cuore succede ogni santo giorno in mille posti del pianeta di cui però nulla sappiamo, e quindi è come non ci fossero.
Le sopraffazioni che ci indignano sono pane quotidiano in molti Paesi governati dalla Sharia o da dittatori: e l’elenco sarebbe lunghissimo.
Da oggi in Cina i bambini dovranno studiare il pensiero del loro presidente, che come in Corea del Nord ora possono chiamare affettuosamente “zio”: tutto va bene, se non sgarri.
In Marocco è stata appena scarcerata una ragazza che aveva condiviso una vignetta sui social.
L’Egitto ha rinviato dopo quasi due anni di detenzione preventiva la carcerazione di Zaki, anche lui accusato di propaganda sovversiva sui social.
In Arabia si va in carcere se sei donna e guidi l’auto da sola, o se sei omosessuale.
Nelle Filippine pena di morte sommaria coi battaglioni della morte, tollerata per chi si droga.
In Russia il capo dell’opposizione è in carcere, accusato di aver offeso un reduce. In Bielorussia a migliaia sono detenuti per aver chiesto la libertà, in Brasile non si contano gli omicidi di chi difende i diritti degli Indios: e potrei continuare con buona parte del continente africano.
Tre quarti del mondo vive in queste condizioni, ogni giorno.
Per questo mi fanno davvero schifo quelli che danneggiano la nostra democrazia avvelenando le menti, coltivando dubbi e separazioni, speculando sulle paure.
Questa gente è lì che vorrebbe portarci, dove comanda solo uno ed i suoi amici e familiari. Dove gli altri obbediscono, pena il carcere se non la vita.
Non prendiamola mai sottogamba, la nostra democrazia: anche quando si tratta di piccole cose, come fare il nostro dovere quando dobbiamo pagare le tasse o vaccinarci.
O andare a votare sapendo quali siano le qualità ed i programmi di quelli che scegliamo: ne pagheremo certamente le conseguenze se sbagliamo.
Anche su questo, si regge una democrazia.
#democrazia

Pubblicato da scrignodipandora

Sito web di cultura e società